Siamo una Comunità di laici e vogliamo vivere con il Signore della Vita. In questo tempo. Abitando la città dell'uomo.
La fraternità palpabile, la compagnia col Signore e la missione verso i piccoli ritmano le nostre giornate di uomini e donne che lavorano, sperano, soffrono, partecipano all' elaborazione di una cultura capace di riconoscere la dignità di ogni uomo e di promuoverla.

Non è qui. È risorto”.

È questa l’esperienza che facciamo del Signore.

Lui sempre Altrove.

Altrove rispetto alle nostre aspettative, rispetto alla nostra comprensione di Lui.
Rispetto al bisogno di trattenerLo e di ingabbiarLo in qualche regola o abitudine.
Rispetto al desiderio di un’intimità che ce lo faccia sentire vicino senza l’esigenza di muoverci, di cambiare.
Lui è il Totalmente Altro che possiamo intravedere, riconoscere, toccare, udire nell’Uomo-Dio Gesù di Nazareth.
Sempre in cammino, sempre impegnato nell’annuncio e nel dono della Vita.

Per questo la storia, le vicende di ogni giorno, il mondo che abitiamo, sono stati sempre il luogo, la strada su cui incontrarLo.

Per questo abbiamo sentito l’esigenza di una preghiera che non sia il momento di stasi e di riposo, ma l’occasione per camminare dietro di Lui, per essere alla ricerca con Lui, per imparare come ama, per conoscere il Padre, che è sempre all’opera.

Una preghiera che abbia come contenuto la nostra vita, come interlocutore il Signore della Vita, come ritmo la vita quotidiana.

Una preghiera che ci aiuti – giorno dopo giorno – a farci più familiari con il Mistero di un amore capace di consegnarsi tutto per l’altro, di una Vita capace di attraversare la morte e di raggiungere tutti per l’eternità, attraverso la Parola pronunciata dal Padre che continua a parlarci grazie al dono dello Spirito Santo.

Una preghiera da laici, perché viviamo nel mondo ogni giorno e abbiamo bisogno di accordare il ritmo della nostra vita alle esigenze dell’amore e della fraternità, della gratuità e del riposo, dell’impegno e della bellezza; una preghiera varia e multiforme, come le nostre giornate, il nostro lavoro, noi stessi, come il Signore della vita, sempre nuovo, sempre giovane, sempre bello.

Una preghiera cantata, e non solo perché chi canta prega due volte, né perché il canto raggiunge prima il cielo, ma perché ci permette di esprimere la gioia per i doni che il Signore ci ha fatto, prima di tutto quello di essere insieme.

Per questo, preghiamo…

… incontrando la Parola - La meditazione settimanale della Parola

È incredibile la ricchezza della Parola di Dio, la sua profondità, la sua altezza.

In tutti questi anni in cui non è mai mancata – neppure una settimana! – alla mensa della nostra comunità, è stata sempre nuova ed efficace nella nostra vita.

Ogni mercoledì (venerdì nel tempo di Quaresima), guidata da Maty, la comunità si ferma a meditare sulla Parola di Dio per conoscere il Signore, il suo modo di amare, il Padre a cui ha consegnato la sua vita, lo Spirito che ce lo rende presente, nella creatività e nella novità, ogni giorno.

… ogni giorno - La preghiera dei laici

Talvolta, nel ritmo quotidiano delle cose, non è facile trovare le parole da rivolgere a Dio. Spesso i nostri impegni si succedono così vorticosamente da risucchiare tutti gli spazi che si possono dedicare agli altri e al Signore.

La preghiera quotidiana ci aiuta, attraverso le parole di testimoni luminosi del Vangelo, ad incontrare Dio

  • al mattino, prima di cominciare la nostra giornata, per affidare a Lui il nostro impegno a costruire il Regno
  • al pomeriggio, dopo pranzo, per pregare per gli altri fratelli della comunità e per tutti coloro che sono in difficoltà
  • la sera, prima di andare a letto, per illuminare la giornata trascorsa con la luce della Parola o della Regola di vita, e per chiedere perdono agli altri e al Signore per il nostro peccato.
… con il mondo - La preghiera in città

Madeleine Delbrêl ci ha insegnato l’alto valore della preghiera vicaria, la preghiera che presta la voce a chi è lontano da Dio e avvicina il mondo al Regno, la preghiera che cambia la realtà perché cambia chi la pratica.

Ogni giorno a Lecce presso la Chiesa del Gesù, dalle 19.45 alle 20.15, e Santeramo presso la Chiesa di San Giuseppe, dalle 19.40 alle 20.10, chiunque può incontrare il Signore con noi, grazie allo studio e alla guida delle piccole comunità che, dopo aver penetrato la Parola, ce la restituiscono perché ci permetta di guardare la nostra vita dalla parte del Signore.

Una preghiera semplice, arricchita dall’esperienza di fede di uomini e donne che ci hanno fatto conoscere un po’ di più Dio, e ci permette di arrestare il vortice delle attività per stare con il Signore.

Gigi

Questo sito utilizza cookie atti a migliorare la navigazione degli utenti.
Chiudendo questo banner tramite il pulsante "ACCETTA" e proseguendo la navigazione sul sito se ne autorizza l'uso in conformità alla nostra Cookie Policy